L'angolo economico

Pagina 3 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mar Apr 27, 2010 10:24 am

Parte? Non parte? E' partita (più o meno).
Dal 26 aprile ogni italiano è potenzialmente Pec-munito, può cioè attivare una casella di Posta elettronica certificata per le proprie comunicazioni con la pubblica amministrazione,

Ecco come attivare la propria casella.

Collegarsi al sito www.postacertificata.gov.it e seguire una procedura guidata che consentirà di inoltrare in tempo reale la richiesta.

A partire da 24 ore dopo la registrazione online e fino a un massimo di tre mesi dopo, ci si può recare presso uno degli uffici postali abilitati per l'identificazione e la conseguente firma sul modulo di adesione.

Per identificarsi sono necessari un documento di riconoscimento personale e uno comprovante il codice fiscale (o il codice fiscale in originale oppure la tessera sanitaria). All'ufficio postale dovranno essere consegnate anche le fotocopie di entrambi i documenti. Tutta la procedura è gratuita

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mar Mag 18, 2010 2:58 pm

Lepri NEL ritoccare al rialzoI Listini quando Il Petrolio vendita, TARTARUGHE NEL ribassarli quando scende Il Barile. SONO le Compagnie petrolifere, Verso le qualifiche le Associazioni dei Consumatori propongono addirittura il boicottaggio. Secondo Adusbef e Federconsumatori Ai Livelli Attuali del Petrolio e del Cambio Euro-Dollaro, La Benzina dovrebbe Venduta Essere uno di Menone 1,36 euro al litro. Invece viene Oggi sul Mercato costa 1,43-1,45 euro/ Litro.

Questi i Numeri: Il Petrolio e calato del 13% rispetto all'inizio Del Mese. Di Contro, L'Andamento del Cambio Euro-Dollaro ci penalizza: la Moneta Unica e scambiata un 1.223 Dollaro col, IL Livello Minimo degli ULTIMI Quattro Anni. Il Petrolio, quotato in Dollari, CI Costi di Più.

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Mag 19, 2010 2:05 pm

Se Guidi Il Suv, ristrutturi la casa e vai in AI crociera Caraibi non puoi dichiarare 10 mila euro '' anno. Puo sembrare un'ovvietà ma se questi CRITERI NEL confluiscono Redditometro E SI applicano uno 40 Milioni di Lavoratori Dipendenti Vale la pena di ribadirla.

Lo fa l 'Agenzia delle Entrate presentando Alle Associazioni di categoria i Nuovi Parametri Che verranno utilizzati per Il Redditometro, lo strumento di accertamento presuntivo dei Redditi, Che seguira i CRITERI utilizzati per Gli Studi di Settore. Ma Sotto la lente questa Volta non ci saranno solo i Professionisti e Imprenditori Gli mA ANCHE le Famiglie, Dall'Istat con le tipologie Applicate per i Consumi.

Si Dalla Parte dichiarazione dei Redditi e Dalle Spese Dal sostenute contribuente: se queste non SONO "coerenti"Scattano le Verifiche.

I Risultati dei prova Primi del Nuovo strumento SONO STATI soddisfacenti per Il Fisco: SONO 97,000 le posizioni risultate "a Rischio" in epoca CUI Il Costo di autoveicolo ONU Più del Doppio rispetto al Reddito dichiarato. Il Di questi il 15% SONO Lavoratori Calcola Il Tuo Reddito "Giusto"

Realtà Territoriali Sara ONU Flessibile Più Redditometro e adattabile ANCHE Alle diverse. Conterà ad Esempio la localizzazione del contribuente e la Dimensione della Città in CUI vive.

Quattro Le tipologie di Spese per valutare Il Reddito:

• per l 'Abitazione (Dalle Ristrutturazioni Mutui AI);
• per Gli Autoveicoli (Vieni Macchine di lusso o mini-car);
• PER IL Tempo Libero (Crociere o iscrizioni uno Circoli Sportivi);
• per Altro (Movimenti di Capitali o Assicurazioni).

Altra novità: Il Nuovo Redditometro SARÀ UNO strumento informatico "fai da te". Il contribuente potra inserire le Spese, Con l'Aiuto del commercialista o di un Centro di Assistenza Fiscale (Caf), e Il Reddito verificare "atteso" FISCO Dal. L'Obiettivo Principale, ovviamente, e la deterrenza I contribuenti cioe indurre uno presentare dichiarazioni Più vicine Alla Realtà.Dipendenti, IL 25% è imprenditore, IL 48% (da virgilio economia)

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Sab Mag 29, 2010 1:56 pm

Grazie alla giunta Zannantoni la TARSU aumenta del 22%
non mettono le mani in tasca te li fanno pagare con bolettino continuate così i muggioresi sono contenti

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mar Lug 20, 2010 10:18 am

Una manovra correttiva da 25 miliardi che - vanta Tremonti - non aumenta le tasse. Vero, in parte. Di per sé il provvedimento in dirittura d'arrivo non prevede nuovi tributi. Ma dietro l'angolo c'è il federalismo fiscale con la sua nuova imposta unica sugli immobili (battezzata "Imu") che potrebbe entrare in vigore già a fine luglio. Nel frattempo il governo arruola i comuni nella lotta all'evasione. O meglio li alletta con le "taglie".

Comuni a caccia di evasori. A pagamento

Il primo passo è il recupero del gettito fiscale evaso. Gli ultimi interventi sulla manovra hanno aumentato il premio per la partecipazione dei comuni alla lotta all’evasione dal 30 al 33% dei maggiori importi riscossi. In altre parole, un terzo delle imposte recuperate con la collaborazione di comuni andrà a questi ultimi. Una "ricompensa" che dovrebbe mobilitare gli enti locali soprattutto sull'evasione dei redditi da fabbricati. A questo scopo gli uffici comunali potranno utilizzare gratuitamente le banche dati dell’Agenzia del territorio.

In seconda battuta, gli incassi dei comuni dovrebbero aumentare con la nuova Imu. Stando alle stime della Cgia di Mestre, il gettito totale di questa imposta - che incorpora l’Ici (sulle seconde case, gli immobili commerciali ecc.) e altre imposte statali sugli immobili - dovrebbe raggiungere i 28,9 miliardi di euro l’anno.

Ma per calcolare l'aumento netto dell'incasso bisogna togliere il gettito che già ora spetta ai comuni: 10 miliardi circa di Ici e 5,3 miliardi da altri tributi locali come la Tarsu. Ai comuni andranno dunque in più rispetto a oggi 13,6 miliardi di euro.E' quello che noi paghiamo attualmente allo Stato in quanto proprietari di immobili (Irpef per redditi da fabbricati, imposta ipotecaria e catastale, imposta di registro). Un sacco di soldi in più per i comuni? No, perché lo Stato ridurrà i trasferimenti ai comuni per un importo sostanzialmente uguale.

Un saldo finale, dunque, pari a zero. Con una precisazione: i tagli partono subito, già approvati con la manovra. Dell'imposta unica per ora se ne parla soltanto.

Da Virgilio Economia

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Nov 17, 2010 1:19 pm

Etilometro, cosa c'è da sapere

Il test dell’etilometro eseguito senza aver detto alla persona sottoposta all’esame che può farsi assistere da un avvocato non ha nessun valore giuridico. E’ quanto ha stabilito una recente sentenza della Cassazione, che ha prosciolto un sessantenne che nel 2007 si era schiantato con l’auto e a cui era stato registrato un tasso alcolemico pari a 1.48. Condannato a 20 giorni di arresto, si è opposto e, dopo vari gradi di giudizio, è stato definitivamente assolto.
In ogni caso, meglio guidare da sobri per la sicurezza di tutti: a ricordarcelo, dallo scorso 13 novembre, saranno gli etilometri presenti dopo la mezzanotte in tutti i locali che vendono alcolici e che saranno obbligatoriamente a disposizione dei clienti, insieme a tabelle alcolemiche all’uscita e all’interno dei locali.
Il limite di legge da non superare per potersi mettere al volante della propria auto in sicurezza e non incorrere in forti ammende è quello di 0,5 grammi di tasso alcolemico, che all’incirca corrisponde a 3-4 bicchieri di vino per una donna di 60 chili a stomaco pieno e a poco meno di mezzo litro per un uomo di 80 chili sempre a stomaco pieno.
da6 sicuro




pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mar Dic 14, 2010 5:26 pm

L'occhio del fisco si concentra sui consumi privati. Dal 2011 arriva lo spesometro

Si tratta, in particolare, del nuovo elenco che gli operatori economici dovranno trasmettere al fisco, con i dati Iva, che andrà ad alimentare l'accertamento sintetico, una sorta di vero e proprio "spesometro" anti-evasione

i soggetti Iva (per esempio negozianti, albergatori, rivenditori di beni di particolare valore) che operano nei confronti dei privati dovranno chiedere il codice fiscale all'acquirente già dal 1° gennaio 2011, per le operazioni pari o superiori alla soglia che verrà individuata (probabilmente 3.500 euro e non 3.000 euro). Se, per esempio, il prossimo anno, un privato cittadino acquistasse un prezioso dal gioielliere che costa 5.000 euro (supponendo che la soglia sia di 3.500 euro), dovrebbe comunicare al negoziante il proprio codice fiscale, e quest'ultimo dovrebbe inviarlo, con i dati dell'acquisto, all'Agenzia (nel 2012). Probabilmente il codice fiscale dovrà essere inserito nello scontrino fiscale.

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Gio Dic 16, 2010 4:12 pm

nuovi diritti per i passeggeri. Vediamoli in sintesi per i treni nazionali.
Ritardo in partenza
Se il ritardo e' superiore a 60 minuti si puo' scegliere tra il rimborso del biglietto o il proseguimento con il primo treno utile o con servizi sostitutivi, inoltre si ha diritto a pasti sul treno o in stazione e al pernottamento in albergo nel caso il mezzo sia disponibile il giorno successivo.
Ritardo all'arrivo
E' previsto un indennizzo del 25% del prezzo del biglietto e della prenotazione in caso di ritardo fino a 2 ore e del 50% per ritardi oltre le due ore. Il risarcimento e' effettuato entro un mese dalla richiesta e puo' essere in denaro o bonus. Per ritardi oltre i 60 minuti si ha diritto a pasti e bevande e all'eventuale sistemazione alberghiera.
Per sapere se si ha diritto agli indennizzi ci si puo' rivolgere alle agenzie di viaggio o ai sistemi informativi di Trenitalia (biglietterie, Internet o al tel. 063000).




pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Ven Dic 17, 2010 2:10 pm

PERIODO CONSERVAZIONE DOCUMENTI

Tipo di documento Tempi di conservazione


CASA

• Bollette domestiche (acqua, gas, luce, telefono): 5 anni


• Canone TV: 10 anni

• Affitti (ricevute): 5 anni


• Spese condominiali (ricevute): 5 anni

TRIBUTI


• Giustificativi delle spese da detrarre (parcelle mediche, spese di ristrutturazione della casa ecc.): 5 anni a partire dall'anno successivo
alla dichiarazione di riferimento

• Quietanze dei pagamenti (mod. F24, bollettini Ici ecc.): 5 anni a partire dall'anno successivo alla dichiarazione di riferimento


• Tassa di circolazione (bollo auto): 5 anni


• Tassa sui rifiuti: 10 anni


BANCA

• Estratti conto: 10 anni


• Mutui (quietanze delle rate): 10 anni


• Cambiali: 3 anni dalla data di scadenza


ALTRE SPESE


• Multe (ricevuta di pagamento): 5 anni

• Bollette del cellulare: 10 anni

• Assicurazioni (quietanze polizze):1 anno dalla scadenza (salvo diversi tempi previsti dal contratto) /5 anni se usate a fini fiscali (spese detraibili

• Scontrini d'acquisto:2 anni (durata ufficiale della garanzia) salvo prolungamento specifico


• Ricevute alberghi e pensioni: 6 mesi

• Rette scolastiche e iscrizioni a corsi sportivi:1 anno / 5 anni se usate a fini fiscali (spese detraibili)


• Fatture di professionisti (avvocati, commercialisti ecc.) e artigiani (idraulici, elettricisti, meccanici ecc.):3 anni


• Ricevute di spedizionieri o trasportatori: 1 anno / 18 mesi se il trasporto avviene fuori Europa


• Atti notarili (rogiti ecc.):Per sempre



pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Dic 22, 2010 3:04 pm

le famiglie italiane posseggono (con riferimento a fine 2009) una ricchezza lorda di circa 9.448 miliardi di euro;
• quella netta, cioè sottraendo le passività finanziarie (mutui, prestiti personali, ecc.), ammonta a 8.600 miliardi;
• è una ricchezza in aumento: la variazione annua è del +1,3%;
• il valore della ricchezza media per famiglia è di circa 350mila euro.
Ma come insegna il "pollo" di Trilussa, e come vedremo tra poco, la media inganna.

il 10% delle famiglie più ricche possiede quasi il 45% della ricchezza complessiva;
• il 50 delle famiglie più povere possiede il 10% della ricchezza complessiva

E' la principale scelta di politica economica che i governi devono fare: aumentare o diminuire la concentrazione della ricchezza. Per le posizione più liberiste l'economia deve regolarsi da sé e la diseguaglianza non va combattuta a tutti i costi. Ma una concentrazione della ricchezza troppo elevata danneggia l'economia perché riduce il volume generale dei consumi. Proprio quello che in una situazione di crisi si dovrebbe evitare

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Gio Dic 23, 2010 2:02 pm

Balzo all’insù per la tassa sul possesso del televisore. A partire da gennaio si passa dai 109 euro ai 110,5 euro.
La decisione è stata approvata dal ministro per le Telecomunicazioni, Paolo Romani con apposito decreto, un aumento previsto da tempo e gisutficato dal "recupero dell’inflazione, come previsto dall’art. 47 del Testo Unico sulla televisione".


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Dic 27, 2010 2:30 am

Federalismo Fiscale

MILANO - I capoluoghi di provincia perderanno oltre 445 milioni di euro in totale con il federalismo fiscale, ma con forti disparità tra Sud e Nord, con il primo penalizzato (Sardegna esclusa) e la regioni settentrionali che beneficeranno di nuove risorse, pur con qualche eccezione. E le città che vedranno la maggiore diminuzione di risorse saranno Napoli e L'Aquila.
DATI - Sono i dati che emergono da uno studio del Partito democratico realizzato dal senatore Marco Stradiotto sui dati della Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale (Copaff).
L'AQUILA E NAPOLI - In particolare, il Comune dell'Aquila perderà 26.294.732 euro pari al 66% delle risorse, quello di Napoli non avrà 392.969.715 euro, pari al 61% dei trasferimenti. Napoli ora è il Comune che riceve i trasferimenti statali più alti: 668 euro per abitante di fronte a una media di 387. I cittadini aquilani dal 2014 pagheranno, infatti 188 euro di Imu (Imposta municipale unica), mentre attualmente per ognuno di loro vengono dati al Comune 548 euro. Tutto il Sud sarà penalizzato: Messina perderà il 59%, Potenza -56%, Palermo e Cosenza il 55%, Taranto il 50%, Roma il 10%.
CHI GUADAGNA - Il capoluogo di provincia che avrà più da guadagnarci è Olbia, pieno di seconde case abitate pochi mesi all'anno (spesso solo uno). Il Comune sardo vedrà i propri introiti balzare del 180%. Chi guadagna è complessivamente il Nord: Imperia (patria dell'ex ministro Scajola) segna +122%, Parma +105%, Padova +76%, Siena +68% e Treviso +58%. Milano avrà il 34% di risorse in più, Bologna il 40%, mentre tra i capoluoghi del Nord perderanno Torino (-9%) e Genova (-22%).(fonte corriere.it)




pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Dic 27, 2010 5:38 pm

Ecco come cambia il sistema previdenziale
Aumentano le quote per accedere alla pensione di anzianità. I lavoratori dipendenti dovranno raggiungere la quota 96 sommando l’età anagrafica e anzianità, con il limite che non si può andare in pensione con meno di 60 anni. Dunque si smette di lavorare con 60 anni d’età e 36 di contributi, o con 61 anni e 35 di contributi.
Per i lavoratori autonomi la quota è di 97, con l’età di pensionamento che non può essere inferiore a 61 anni. Si accede all’assegno con 62 anni e 36 anni di contributi, oppure 62 anni e 35 di contributi
Il 2011 porta anche nuove regole per accedere alla pensione. La rivoluzione riguarda le cosiddette finestre d’uscita, che significa: l’assegno diventa disponibile trascorsi 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti. Che passano a 18 per chi consegue il diritto alla pensione a carico della gestione dei lavoratori autonomi per artigiani, i commercianti e i coltivatori diretti, oltre che della gestione separata prevista dall’art. 2, comma 6, legge n. 335/1995.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Gen 05, 2011 6:39 pm

Nuovo anno multe più salate

Inizio d'anno pesante per gli automobilisti. Dopo i rincari autostradali, che cascano puntualmente nei periodi di maggiore esodo, da questo mese saranno più salate anche le multe per la violazione del Codice della strada. Scatta infatti il 1° gennaio 2011 uno degli scaglioni di adeguamento biennale delle sanzioni amministrative previsto dallo stesso Codice. Tutti gli importi risultano aumentati del 2,4%
per la sosta sul marciapiede la multa passa da 78/311 euro (sanzione minima/massima) a 80/318 euro, con un aumento dai 2 ai 7 euro;
Le violazioni escluse

Il rincaro si applica solo alle sanzioni che non hanno già subito specifici aumenti nel corso del biennio precedente. Restano escluse, dunque, da questo scatto automatico diverse infrazioni tra cui:

• l'eccesso di velocità superiore ai 40 km all'ora,
• guida in stato di ebbrezza lieve (con tasso alcolemico fra 0,51 e 0,80 gr/lt),
• l'uso di motorini truccati o con targa non visibile,
• l'uso di veicoli non revisionati
• la violazione dei tempi di riposo obbligatori per gli autisti di mezzi pesanti

• per l'uso del cellulare alla guida si passa da 148/594 euro a 152/608 euro, con un aumento dai 4 ai 14 euro.

Con l'euro il vero salto

Resta una considerazione: il peso della sanzione rispetto all'infrazione è aumentata dalla sua nascita - col nuovo Codice della strada del 1993 - anche a causa del passaggio all'euro. Prendiamo ad esempio il posteggio sul marciapiede: nel 1993 la sanzione era di 100-400mila lire (sempre min/max); dal 2011 la sanzione è di 80/318 euro. Il che significa un aumento totale del 54%, 6 punti in più del costo della vita nello stesso periodo

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Gen 10, 2011 8:19 pm

La pressione fiscale in Italia è in sensibile aumento. Secondo un’indagine condotta dall’ufficio studi dell’Associazione artigiani di Mestre, quest’anno il tax freedom day tocca il suo record. Mai, dal 1990, era arrivato così in ritardo, il 24 giugno. Cosa significa? Che fino al 23 si lavora per pagare tributi e imposte
Una crescita della pressione fiscale che da 10 anni non si ferma. Oggi tocca il 47,7% del reddito per un quadro, il 34,5% per un operaio. Nel 1990 il giorno di liberazione cadeva il 7 giugno, nel 1994 il 12, nel 1998 il 17 giugno.
L’aumento delle tasse è dovuto al cosiddetto fiscal drag e cioè alla progressività delle imposte sui redditi. Ovvero la retribuzione è salita, ma nello stesso tempo è aumentata anche l’incidenza dell’Irpef perché gli aumenti sono tassati con un’aliquota più elevata

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Ven Gen 14, 2011 5:55 pm

Un esercito di precari con laurea

Ma per chi riesce a entrarci le prospettive sono tutt'altro che rosee. Tra gli assunti di quest'anno due su cinque sono precari e nel 2010 saranno quasi 350mila i lavoratori - il 43% delle nuove assunzioni - totale con contratti flessibili. quasi due punti percentuali in più del 2009 (41,1%). Un dato altrettanto preoccupante rilevato dall'Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza.

Nell'esercito dei 350mila precari prevalgono i collaboratori a progetto (oltre 180mila) e gli interinali (più di 164mila). E non è un esercito di manovali: i nuovi precari hanno spesso una laurea o un diploma e più della metà ricoprono ruoli specializzati.

La regione dove la deregulation del lavoro trionfa è la Lombardia con il 67,5% di nuovi contratti "flessibili". Seguono il Lazio con 53,9%, il Friuli Venezia Giulia con 51,5% e il Veneto 49,5%. La regione che invece investe di più sulla stabilità del lavoro è il Trentino Alto Adige con il 15,7% di lavoratori precari sul totale delle nuove assunzioni .

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Gen 17, 2011 12:38 pm

In seguito al decesso dell'autore di un'infrazione stradale gli eredi non sono tenuti, a pagare la sanzione pecuniaria dovuta. La "multa" infatti ha - secondo la legge - un carattere personale e "afflittivo" cioè, in altre parole, serve a "punire il colpevole" dell'infrazione, punizione che non può essere trasferita agli eredi. E' un principio cardine derivato dal diritto penale: questo tipo di responsabilità sono esclusivamente personale.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Ven Feb 04, 2011 3:46 pm

Scompare il fondo per i non autosufficienti
Lo Stato non finanzierà più il fondo per i non autosufficienti. Scomparso sia dal decreto milleproroghe, non è più stato ricostituito. toccherà alla Regioni, dicono al ministero del Welfare, trovare i soldi necessari per continuare a finanziare progetti e iniziative per disabili gravi e le loro famiglie.

Gli enti regionali si stanno già muovendo. In ordine sparso. In Veneto, il governatore, Luca Zaia ha annunciato che l’assistenza verrà ridotta a causa dei tagli statali (come già sta succedendo in Provincia di Treviso).

In Puglia, Nichi Vendola per mantenere gli stessi livelli di aiuto ha deciso di aumentare le imposte sul carburante. Mentre la Regione Marche ha scelto di creare un fondo straordinario per compensare i mancati trasferimenti, anche se non ha detto come sarà finanziato.

Le altre regioni sono in attesa di fare i calcoli per capire quale strada prendere: tagli o nuovi tributi.
Intanto malati e famiglie attendono di capire se tanti progetti che in questi anni hanno garantito, o provato a garantire, un'autonomia o almeno un sollievo, potranno continuare.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Feb 14, 2011 5:13 pm

Tassa di un euro a biglietto per gli spettatori del cinema
Il testo del governo prevede che “a decorrere dal primo luglio prossimo e fino al 31 dicembre 2013” sia istituito “per l'accesso alle sale cinematografiche, ad esclusione di quelle delle comunità ecclesiali e religiose, un contributo speciale a carico dello spettatore pari a un euro da versare all'entrata del bilancio dello Stato”. Successivamente sarà un decreto interdirigenziale dei Beni culturali e dell'Economia a stabilire le modalità della riscossione. La misura – si legge nella proposta – dovrebbe fruttare 45 milioni nel 2011 e 90 milioni nel 2012 e 2013, che servirebbero a finanziare gli sgravi fiscali alla produzione cinematografica. L'eventuale maggior gettito tornerebbe allo stato di previsione dei Beni culturali per essere assegnato al “Fondo perla produzione, la distribuzione, l'esercizio e le industrie tecniche”.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Mar 02, 2011 1:03 am

effetto milleproroghe 1

Anatocismo, una correzione a metà

Una questione spinosa riguarda la questione dell'ormai famoso "anatocismo", cioè la perversa pratica bancaria degli interessi sugli interessi in uso fino al 2000. La prima versione del milleproroghe stabiliva che il diritto al rimborso scadesse dopo 10 anni dall'addebito in conto dell'ultimo interesse illegittimo e non dalla chiusura del conto come aveva stabilito anche una recente sentenza della Cassazione. Nonostante le osservazioni del Quirinale il governo ha corretto la norma solo a meta, suscitando perplessità anche all''interno della maggioranza: non cambia infatti la decorrenza anticipata del rimborso (che di fatto significa la perdita del diritto per molti correntisti) ma le banche non potranno richiedere le somme già pagate

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mer Mar 02, 2011 12:14 pm

E NOI PAGHIAMO
Brutte notizie per i correntisti. Sta prendendo piede la moda della “tassa sul contante”. Ovvero per ritirare i propri soldi allo sportello si deve pagare. L’ultimo degli istituti a mettersi in “regola” la Bnl. Con un comunicato ha già avvertito i propri clienti: dal 18 aprile per ogni prelievo inferiore ai 2.000 euro si dovranno versare 3 euro.
Negli ultimi mesi hanno deciso di applicare questa commissione anche Mps e Ubi. Si aggiungono a Cariparma, Popolare di Milano e Unicredit. Nelle sei banche prese in esame, i costi per un prelievo di denaro allo sportello variano fra uno e tre euro.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Gio Mar 03, 2011 8:15 pm

effetto milleproroghe 2

Social card, a volte ritorna

Torna la carta acquisti, lo strumento di sostegno ai consumi per i più poveri. La nuova social card sarà gestita questa volta da enti "caritativi" non profit che la distribuiranno ai soggetti "in condizione di bisogno". Si alza anche la soglia di reddito Isee (attualmente di 6.235 euro) per essere ammessi al beneficio. I criteri di distribuzione e i dettagli operativi saranno definiti da un decreto del ministero del Lavoro. La nuova carta sarà introdotta in via sperimentale nelle 10 città italiane con più di 250mila abitanti

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Lun Mar 07, 2011 4:50 pm

FEDERALISMO MUNICIPALE
2011
Addizionale comunale Irpef: sblocco dell’imposta bloccata dal 2008. Riguarda 3.500 comuni che oggi non applicano l’addizionale oppure applicano un’aliquota fino al 4 per mille.
Imposta di soggiorno: i capoluoghi, le unioni di comuni e i comuni turistici possono prevedere un tassa fino a 5 euro a carico di chi soggiorna in strutture turistiche.

2012
Imposta di scopo. Nei primi due anni sarà una maggiorazione – massimo 0,5 per mille – sull’Ici. Poi sarà incorporata nell’Imu.
Addizionale regionale Irpef. E’ ricalcolata per garantire un gettito pari ai trasferimenti e alla compartecipazione all’accisa sulla benzina che saranno soppressi.
Rc auto province. L’imposta sulla Rc auto diventa tributo provinciale.
2013
Addizionale regionale Irpef. Si sblocca l’imposta che può essere aumentata del 5 per mille.
Nuovi tributi regionali. Le regioni potranno istituire nuovi tributi o modificare le aliquote esistenti.

2014
Addizionale comunale Irpef. Con il pieno regime del federalismo comunale, scompare completamente ogni blocco dell’imposta.
Imu. Via l’Ici, al suo posto l’Imposta municipale unica, con aliquota di riferimento al 7,6 per mille e al 3,8 per mille per gli immobili locati.
Imposte compravendite immobiliari. Il prelievo passa dal 10 al 9%, se la compravendita riguarda case di abitazione – escluse quelle di lusso – si passa dal 3 al 2%.
Imposta municipale secondaria. Al posto della tassa sull’occupazione di aree pubbliche e l'imposta sulla pubblicità.
Rc auto provinciale. L’aliquota di riferimento può essere aumentata o diminuita entro un massimo del 2,5%.
Irap. Le regione posso diminuire o eliminare l’imposta.
Addizionale regionale Irpef. L’addizionale può arrivare all’11%. Dal 2015 il tetto sarà fissato al 21 per mille.


pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Mar Apr 26, 2011 5:15 pm

GRAZIE LEGA PER IL TUO FEDARALISMO
Passaggi di propietà veicoli rincaro fino al 600%
Ma il decreto attuativo del federalismo regionale e provinciale, approvato a fine marzo, dà alle province anche la possibilità di aumentare del 3,5% l'addizionale sull'Rc auto (che oggi è del 12,5%). In realtà è lasciata la facoltà di aumentare o diminuire l'addizionale di questa percentuale in base alle esigenze di bilancio. Ma i bilanci delle province, manco a dirlo, non godono di ottima salute e c'è da scommettere che se ci saranno variazioni saranno solo al rialzo.

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da pietro giorgio zoppellaro il Gio Mag 12, 2011 12:07 pm

da virgilio economia del 12-05-11

Stipendi decurtati dalle tasse

L'Italia scala la classifica del peso delle tasse sui salari. Il cosiddetto cuneo , che calcola la differenza tra quanto pagato dal datore di lavoro e quanto effettivamente finisce in tasca al lavoratore, in Italia è al 46,9%. Lo rileva l'Ocse nel rapporto “Taxing Wages” per il 2010. L'onere del fisco nel nostro Paese è aumentato dello 0,4% rispetto al 2009. Nella classifica dei Paesi dell'Ocse, aggiornata a fine 2010, l'Italia sale dal 6° al 5° posto per peso fiscale sui salari.

Con la stessa pressione tributaria della Germania, gli italiani risparmierebbero 1.400 euro l'anno di tasse. In termini di gettito complessivo, sempre a parità di condizioni fiscali tra i due paesi, l'Erario italiano riceverebbe 82 miliardi in meno". A fare questa dichiarazione, dopo aver letto i risultati presentati oggi dall'Ocse, è stato il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi

E non basta L'Italia resta in fondo alla classifica Ocse sui salari, anche se sale dal 23° al 22° posto superando la Grecia. Il salario netto medio di un single senza figli a carico in Italia è stato di 25.155 dollari nel 2010. La cifra è inferiore sia alla media Ocse (26.436 dollari), sia a quella dell'Ue a 15 (30.089). Il salario lordo è stato invece di 35.847 dollari, lievemente superiore alla media Ocse (35.576), ma inferiore a quella europea (42.755). In questa classifica l'Italia è al 19° pos

pietro giorgio zoppellaro

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 23.05.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'angolo economico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato Oggi a 9:14 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum